paradise island

Crociera alle Bahamas

Durante il mio anno in Florida non potevo perdere l’occasione di fare una crociera alle Bahamas, vista la vicinanza e i prezzi abbordabili.

Le Bahamas sono un arcipelago corallino situato nell’Oceano Atlantico, formato da 700 isole e isolette, la maggior parte delle quali disabitate.

Scoperte durante il primo viaggio di Cristoforo Colombo, furono ribattezzate islas de la Bajamar, ossia isole dal mare basso. Divennero parte della corona spagnola prima, e degli inglesi poi, per divenire infine indipendenti nel 1973.

Uno dei modi più gettonati per visitarle è per l’appunto quello di scegliere una crociera, con partenza da Miami o Port Canaveral.

royal caribbean

Salire a bordo di una nave da crociera è come entrare in un’altra dimensione, una realtà parallela completamente indipendente dal mondo esterno.

Queste gigantesche navi sono nate per soddisfare qualunque desiderio dei turisti vacanzieri. Ecco allora che troviamo negozi e ristoranti, piscine all’aperto e al coperto, vasche idromassaggio, cinema e teatro, bar e discoteche. E ovviamente i casinò per giocare fino all’ultimo penny in cerca di fortuna.

nave royal caribbean

Quella della crociera, che sia alle Bahamas o qualsiasi altra meta, è un’esperienza che si ama o si odia. E io chiaramente l’ho amata fin dal primo momento. Colazioni in camera, pranzi a buffet, cene al ristorante e spuntini disponibili ventiquattro ore su ventiquattro. Piscine riscaldate, maxi schermi all’aperto dove godere di una rilassante serata cinema, cullati dalle onde del mare. Isole paradisiache dove trascorrere giornate immersi nelle acque cristalline dei Caraibi per poi tornare in quel mondo incantato.

crociera alle bahamas

Capisco perché ad alcuni possa non piacere, ma è sicuramente un’esperienza da provare almeno una volta nella vita. Così come vedere Las Vegas.

Dopo essere salpati nel pomeriggio, la prima sera è stata dedicata semplicemente all’esplorazione della nave, in attesa della prima vera tappa del viaggio: Nassau.

Il secondo giorno la nave è infatti attraccata a New Providence, di cui Nassau è la capitale.

Durante il XVIII secolo l’isola divenne il paradiso della pirateria nei Caraibi. Fu il luogo in cui molti pirati cercarono rifugio, tra cui anche il celebre Barbanera.

Negli anni Venti e Trenta del Novecento, durante il periodo del proibizionismo, fu invece famosa come sede di numerosi mercati neri.

Oggi, in George Street, si trova il Pirates Museum che offre una ricca documentazione sulle imprese dei pirati Morgan e Francis Drake.

Il centro di Nassau è costituito da Bay Street, la via principale, dove si notano subito le fotografatissime casette dai colori pastello in tipico stile caraibico. Qui si susseguono uno dopo l’altro diversi locali e negozi di souvenir. Allo Straw Market, il mercato della paglia, si possono invece trovare prodotti di artigianato locale.

government house

Ciò che spicca subito all’occhio camminando per le vie è la presenza di architetture di epoca coloniale, che regalano alla città un piacevole tocco di eleganza. Il più importante esempio di architettura coloniale è dato dal Goverment House, residenza del governatore delle Bahamas, con tanto di palme, cannoni e un’alta statua di Cristoforo Colombo.

Noi abbiamo scelto di visitare Nassau con un tour offerto dalla nave da crociera, per poi proseguire in solitaria nella seconda parte della giornata.

Essere accompagnati dalla guida è stato interessante perché ci ha permesso di approfondire meglio la storia della città e di alcuni dei suoi luoghi più importanti.

fort fincastle

Tra questi Fort Fincastle, un forte costruito in pietra calcarea sulla cima del colle Bennet nel 1793, in una posizione strategica per proteggere il centro storico ed il porto.

Per agevolare la salita al forte in caso di invasione venne eretta la Queen’s Staircase, così chiamata in onore della regina Vittoria: una lunga scalinata, immersa in un suggestivo tratto di foresta, composta da 65 gradini scavati nella roccia.

cosa fare a nassauqueen's staircase nassau

Altri due famosi forti sono Fort Montagu, il più antico di New Providence, e Fort Charlotte, di cui è possibile visitare i passaggi sotterranei, le segrete e l’antico fossato. Dall’alto dei suoi bastioni, un tempo luogo di difesa, si gode inoltre di una meravigliosa vista.

fort charlottecosa vedere a nassau

Dopo la fine del tour, l’ultima immancabile tappa per chiunque visiti Nassau, è l’Atlantis. Questo gigantesco resort, con tanto di parco acquatico al suo interno, sorge su Paradise Island, collegata a New Providence da due ponti.

atlantisatlantis resort bahamas

Il tema di Atlantide, la città perduta, si riscontra nelle sue decorazioni, uno sfoggio di lusso e modernità. La lista d’attesa per poter soggiornare in una delle sue stanze è di almeno un anno, sempre che le vostre finanze ve lo permettano.

La spiaggia di fronte all’Atlantis è un concentrato di turisti, ma basta allontanarsi di poco per ritrovarsi soli.

La sabbia morbida sotto i piedi, lo splendido colore blu dell’oceano, e alle spalle solo qualche casetta colorata in legno. Se esiste un posto perfetto credo proprio fosse questo.

crociera alle bahamas

Mentre il sole tramontava, creando riflessi dorati sulla sabbia, e il vento accompagnava le onde verso la riva, mi è sembrato di vivere uno di quei momenti perfetti. Di quelli che vorresti non finissero mai. E di cui sai già proverai nostalgia ricordandoli.   

paradise island bahamascrociera bahamas

Il terzo giorno di crociera alle Bahamas avremmo dovuto trascorrere la mattinata a Coco Cay, isola privata di proprietà della Royal Caribbean, ma le condizioni meteorologiche avverse non hanno permesso di attraccare. Un vero peccato dato che non capita tutti i giorni di avere a disposizione un paradiso tropicale in via esclusiva. In ogni caso ricorderò questo viaggio come uno dei più belli. Con la speranza un giorno di potervi tornare.

paradise islandnasssau bahamas

Il clima tropicale unito alle bellezze naturali hanno reso le Bahamas una popolare destinazione turistica. Di cui Nassau, con la sua mescolanza di influenze africane ed europee, è di certo il cuore pulsante.

In conclusione la crociera, alle Bahamas o ovunque si voglia, è sicuramente un’ottima idea per visitare in un solo viaggio diverse isole o località.

Quel che avviene a bordo della nave però, in un quel regno ovattato lontano dalla realtà, può scatenare sentimenti contrastanti. Ogni emozione viene amplificata. Quando le persone vanno a dormire e finisce l’intrattenimento, l’atmosfera muta rapidamente.

Passeggiare di notte sul ponte della nave, con il solo chiarore della luna a illuminare il mare e nient’altro attorno, è una sensazione surreale.

nave da crociera

Seduti in silenzio ad osservare il buio profondo dell’oceano, non si può che fare un’analisi introspettiva. E ripensare alle parole di David Foster Wallace in Una cosa divertente che non farò mai più, il suo celebre reportage di una settimana di crociera ai Caraibi, scritto con quell’ironia amara che lo contraddistingueva.

Così scriveva Wallace:

«In queste crociere extra lusso di massa c’è qualcosa di insopportabilmente triste. Come la maggior parte delle cose insopportabilmente tristi, sembra che abbia cause inafferrabili e complicate ed effetti semplicissimi: a bordo della Nadir – soprattutto la notte, quando il divertimento organizzato, le rassicurazioni e il rumore dell’allegria cessavano – io mi sentivo disperato.

Ormai è una parola abusata e banale, disperato, ma è una parola seria, e la sto usando seriamente. Per me indica una semplice combinazione – uno strano desiderio di morte, mescolato a un disarmante senso di piccolezza e futilità che si presenta come paura della morte. Forse si avvicina a quello che la gente chiama terrore o angoscia. Ma non è neanche questo.

È più come avere il desiderio di morire per sfuggire alla sensazione insopportabile di prendere coscienza di quanto si è piccoli e deboli ed egoisti e destinati senza alcun dubbio alla morte. E viene voglia di buttarsi giù dalla nave

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *